Salta al contenuto principale
occhi

Non dimentichiamo lo stupore di questi mesi

Non c’è bisogno di raccontare che cosa abbiamo vissuto nei mesi scorsi, con questo evento eccezionale e drammatico che ci ha travolto e ha portato a stare isolati e chiusi nelle nostre case per parecchio tempo, tutti abbiamo visto e l’abbiamo vissuto.

Abbiamo visto medici e infermieri dare il loro tempo e la loro vita per salvare e curare gli ammalati.

Abbiamo visto in molti casi lavoratori - dagli impiegati, agli operai, agli insegnanti - fare i salti mortali per svolgere al meglio il proprio compito e far pesare il meno possibile sulla propria azienda, o sui propri alunni, l’inevitabile danno che la situazione di emergenza ha comportato.

Abbiamo visto datori di lavoro che, pur in difficoltà, hanno cercato di non far pesare sui propri dipendenti la mancanza di entrate, anticipando ed integrando la cassa integrazione di tasca propria.

E tutto questo ci ha svegliato, ci ha stupito, ha fatto nascere in tanti di noi il desiderio di renderci utili, di fare qualcosa per gli altri. Non a caso, mai come in questo periodo, c’è stata un’impennata di richieste di fare volontariato, o per portare la spesa a casa di chi aveva bisogno, o per dare un supporto anche telefonico a chi, costretto a casa, si ammalava di solitudine.

Ora, tutto questo spettacolo di gratuità, di umanità, di solidarietà, non dimentichiamolo subito tornando alla nostra consueta sfiducia e cinismo!

Ricordiamoci che cos’è l’uomo, la cui natura viene fuori al meglio soprattutto nel momento del bisogno e soprattutto quando cerchiamo di sostenere il bisogno degli altri.

Ripartiamo avendo negli occhi e nel cuore ancora quelle immagini e quelle storie che ci hanno tanto stupito e commosso.

Sono storie che possono riaccadere ogni giorno e che grazie a voi volontari, che cercate di vivere sempre con questa gratuità, guardandovi, possono essere risvegliate e tenute deste anche in noi, ricordandoci che è possibile sempre vivere così, con un’umanità più vera e più lieta.
 

Caterina Mandarini
Direttore CST Novara VCO

Condividi